Avvocato Serpico Cuneo - Infortuni sul lavoro: danno differenziale. Studio legale Avv. A. SERPICO senior



Patrocinante in Cassazione
Via Roma, n. 62 (3° piano) - Cuneo (12100 - CN)
Tel. e Fax 0171.697566 - Mob. 335.6802692
P.E.C.: alberto.serpico@ordineavvocaticuneo.eu
@ - mail: avvocato.serpico@libero.it
c.f.: SRP LRT 57P18 F839F - P. IVA: 01129000046

                                           

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA INFORTUNIO SUL LAVORO, INDENNIZZO INAIL
E RISARCIMENTO DEL C.D. DANNO DIFFERENZIALE

     I lavoratori dipendenti sono coperti dall'assicurazione sociale obbligatoria I.N.A.I.L. per gl'infortuni subiti nei luoghi di lavoro, nell'esercizio delle proprie mansioni e durante il percorso da casa al luogo di lavoro e viceversa, per la qual cosa pagano un premio a detto Ente per il tramite del proprio datore di lavoro, obbligato alla relativa trattenuta dalla busta paga ed al conseguente versamento, il tutto secondo il Testo unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali di cui al Decreto 30 giugno 1965, n. 1124 (G.U. n. 257 del 13 ottobre 1965 - Suppl. ord.).

     Il risarcimento del c.d. "danno biologico" in materia di diritto civile (ad esempio, nei casi dei sinistri stradali) fa riferimento al fatto se si sia verificato un danno alla salute o un danno biologico, ovverosia la compromissione della validità psico-fisica del soggetto infortunato, temporanea (durata), e/o permanente (espressa in misura percentuale), con conseguente menomazione del modo di essere della persona, del suo stato di benessere, delle consuete attività, anche soltanto potenziali, non escluse quelle del tempo libero e di svago, menomazioni tutte costituenti concrete ragioni di vita soppresse o limitate dall’evento dannoso subito (tenendo presente che vanno ivi ricompresi il danno alla salute, quelli alla cosiddetta vita di relazione, il c.d. danno esistenziale nonché quelli di ordine estetico o attinenti alla vita sessuale).

     Per il risarcimento del predetto danno biologico così come per quello morale (... il prezzo del pianto - !?!?!! - ...) da perdita di un congiunto, le liquidazioni da parte dei Giudici, anche se pur sempre equitative, si stanno piano piano uniformando a delle tabelle formulate da un qualificato Osservatorio milanese, sempre di più ... "applicate" ... in tutta Italia per siffatti risarcimenti, fatta eccezione per le invalidità sino al 9%, c.d. "Micropermanenti", la cui liquidazione è pressocchè automaticamente affidata ad un'apposita Legge.

     Anzi, la recente sentenza della Corte di Cassazione Civile, sezione III°, 7 giugno 2011, n. 12408, ha oramai consacrato che per la liquidazione del danno biologico, compreso le c.d. "micropermanenti" conseguenti ad infortuni non stradali, "i valori di riferimento per la liquidazione del danno alla persona adottati dal Tribunale di Milano costituiranno d’ora innanzi, per la giurisprudenza di legittimità, il valore da ritenersi equo, ovvero quello in grado di garantire la parità di trattamento e da applicare in tutti i casi in cui la fattispecie concreta non presenti circostanze idonee a aumentarne o ridurne l’entità".

      Orbene, nonostante l'art.13 del D.lgs. 38/2000 abbia introdotto nella materia del risarcimento danni da infortunio sul lavoro il concetto del c.d. "danno biologico", permane una netta differenza tra il risarcimento danni in campo civilistico e quello degl'infortuni sul lavoro, giacchè l’erogazione prevista a carico dell'Inail, quale indennizzo del danno biologico, NON ristora ogni pregiudizio che il danneggiato può subire a tale titolo.

     Infatti, il modello INAIL si ispira ad un principio indennitario e, pertanto, NON  mira ad un totale ristoro del danno quanto a garantire un sostegno sociale all'infortunato.

     Ciò posto, la giurisprudenza è pacifica nel riconosce il diritto del lavoratore infortunato ad ottenere dal proprio datore di lavoro il risarcimento del danno cd. differenziale (è chiamato differenziale perchè copre la differenza fra quanto liquidato dall'INAIL e la somma invece spettante secondo il modello della responsabilità civile), anche in seguito all'entrata in vigore del predetto art. 13 del D.Lgs n. 83 del 2000.

     Il c.d. «danno differenziale» non ha una definizione normativa, ma è di origine dottrinale e giurisprudenziale (come, ad esempio, la distinzione tra obbligazioni di mezzo e risultato) ed ha, anche in tali ambiti una variabilità di contenuti.

     In senso più restrittivo si intende quale danno quantitativo, rientrante, comunque, nella copertura assicurativa, costituito dalla differenza tra quanto riconosciuto dall’Inail e la maggior somma liquidata in sede civile, mentre in senso qualitativo si fa riferimento a voci non rientranti nella copertura assicurativa (in tal caso dovrebbe parlarsi, più correttamente, di danno complementare), liquidabili all’infortunato in aggiunta all’indennizzo Inail.

     La nozione di danno differenziale può essere estrapolata dall’art. 10 del TU INAIL e va configurata nei confronti del datore di lavoro, rimanendo comunque rilevante, quale differenza ulteriore che il lavoratore danneggiato ottenga, oltre l’indennizzo INAIL, un ulteriore risarcimento dal civilmente responsabile del danno subito, come, nel caso non infrequente, di responsabilità del terzo in caso di infortunio in itinere, in quanto tale ulteriore risarcimento va computato nel complessivo ristoro percepito dal lavoratore che non può, comunque, percepire un importo maggiore del pregiudizio effettivamente subito.

     Il legislatore, con la normativa ex d.lgs. 23 febbraio 2000, n. 38, accogliendo i ripetuti inviti della Corte Costituzionale, ha stabilito la indennizzabilità da parte dell’INAIL a favore dell’assicurato del danno biologico di invalidità permanente. La disciplina, delineata all’art. 13 del citato decreto legislativo, si ispira ai principi fondamentali dell’assicurazione Inail e l’indennizzo assolve ad una funzione sociale, differenziandosi così dal “risarcimento” previsto in ambito civilistico a ristoro del danno biologico.

     La stessa Corte costituzionale ha chiarito che il danno previdenziale è finalizzato a garantire la libertà dal bisogno, mentre il danno civile ha la funzione di sanzionare e prevenire l'illecito.

     Sovente l’indennizzo erogato dall’INAIL è inferiore al risarcimento, per lo stesso danno, liquidabile in forza delle tabelle utilizzate dai tribunali per la quantificazione equitativa del danno biologico da invalidità permanente, ovvero sulla base delle tabelle previste dall’art. 139 c.d.a. in tema di micro permanenti (quella relativa alle macropermanneti non è stata ancora emanata) per la liquidazione del danno biologico riportato in seguito a sinistro stradale, considerando anche la più ampia nozione di danno biologico nel codice delle assicurazioni.

     Si pone di conseguenza il problema di valutare se l’indennizzo erogato dall’Inail escluda in tutto o in parte la possibilità per il danneggiato di ottenere l’integrale ristoro del maggior danno subito quantificato secondo i criteri civilistici.

     La coesistenza tra l’istituto dell’indennizzo ex art 13, d.lgs. n. 38/2000 e il risarcimento del danno biologico secondo i criteri civilistici impone all’interprete di verificarne le interferenza ai fini di accertare la possibilità di riconoscere a favore del lavoratore il c.d. danno differenziale nei confronti del datore di lavoro o di altri terzi danneggianti.

     Prima di liquidare il danno, in tema di sinistri stradali, l’assicuratore r.c.a. deve chiedere al danneggiato una dichiarazione attestante che lo stesso non ha diritto a prestazioni dall’Inail (va considerato che non è infrequente il caso in cui il danneggiato non sappia di avere effettivamente diritto a tali prestazioni.

     Tale dichiarazione è richiesta ai fini della procedibilità della domanda di risarcimento (art. 148, c. 2).

     Se il danneggiato dichiara di avere diritto alle prestazioni dell’Inail, l’assicuratore deve accantonare le relative somme e fare la dichiarazione all’Inail e solo dopo 45 giorni da tale comunicazione, se l’Inail non dichiara di volersi surrogare, l’assicuratore provvederà al pagamento a favore del danneggiato.

     Il danno, differenziale, previsto dall’art. 10 del T.U. 1124/1965 (testo normativo base della tutela previdenziale contro le malattie e gli infortuni professionali) trova applicazione, quale ulteriore risarcimento, “qualora il giudice riconosca che questo ascende a somma maggiore dell'indennità che, per effetto del presente decreto, è liquidata all'infortunato o ai suoi aventi diritto ed è dovuto solo per la parte che eccede l’indennità”.

     Tale principio è aderente ad altro, di carattere generale che giustifica ormai la generale ammissibilità del danno differenziale richiesto dal lavoratore, rispetto a quello erogato dall’assicuratore sociale, ove ne fornisca la prova, consistente nell’ “integrale risarcimento del danno alla persona” di carattere non patrimo-niale, affermato dalle sentenza delle Sezioni Unite di San Martino che elimina ogni dubbio sulla possibilità, per il lavoratore di richiedere tale ulteriore voce di danno al responsabile dell’infortunio o della malattia professionale.

     Lo scopo della tutela fornita dall’art. 13, d.p.r. 38/2000 che è quello di garantire l’indennizzo sociale del danno biologico, e non il suo pieno ed integrale risarcimento, nell’ottica di un rafforzamento di tutela dei diritti costituzionalmente garantiti, tra l’art. 32 c. e 38 c..

     L’indennizzo erogato dall’Inail, proprio perché definito tale, non può essere ritenuto equivalente al risarcimento civilistico con la possibilità per il danneggiato di richiedere la differenza tra l’indennità liquidata e la maggior somma dovuta a titolo risarcitorio.

     Peraltro non può sfuggire che l’indennizzo Inail viene determinato dalla legge in misura forfettaria e predeterminata, uguale per tutti e opera a prescindere dalla colpa in quanto deve garantire un “minimum sociale”, come desumibile dalla finalità solidaristica prevista ex art. 38 Cost., mentre il danno civile va riconosciuto previo accertamento della responsabilità.

     I giudici hanno preso a riferimento il principio più volte sancito dalla Corte Costituzionale secondo cui la tutela del risarcimento alla salute deve essere integrale e non limitabile, per giungere appunto all'ammissibilità del risarcimento del danno differenziale.

     Infatti, se si negasse tale ammissibilità, si giungerebbe ad un risultato assurdo e costituzionalmente illegittimo poiché si finirebbe per limitare in maniera ingiustificata il ristoro integrale del danno alla salute subita dal lavoratore.

     Il danno differenziale va calcolato procedendo alla determinazione del danno secondo i criteri civilistici, per poi effettuare un raffronto fra l’importo che ne risulta e l’ammontare delle prestazioni erogate dall’Inail, riconoscendo in favore del lavoratore l’eventuale differenza.

     Si deve, tenere conto che vi sono voci di danno (danno morale e altre voci di danno non patrimoniale diverso dal biologico) che sono estranee alla copertura assicurativa sociale, per anche tali voci danno dovranno essere chieste a titolo di risarcimento differenziale al proprio datore di lavoro.

     Quindi, se un lavoratore infortunato avesse diritto ad un risarcimento dei danni come se gli stessi fossero stati patiti a seguito di un incidente stradale, ad esempio nella misura complessiva di € 560,000,00, il suo datore di lavoro (e per esso la sua compagnia assicuratrice) è obbligato a corrispondergli la differenza tra il predetto importo di € 560.000,00 e quanto dallo stesso lavoratore infortunato percepito dall'I.N.A.I.L. quale Assicuratore Sociale, ad esempio a titolo di rendita vitalizia per una gravissima invalidità, pari, sempre ad esempio, ad € 300.000,00.

     Ecco che la differenza di € 260.000,00 integra quello che viene comunemente definito "danno differenziale".

     Tutto ciò sul presupposto che, purtroppo, quasi sempre si verifica, che il datore di lavoro non abbia osservato le specifiche normative antinfortunistiche del suo settore produttivo e la norma più generale di "chiusura" del sistema di tutela del lavoratore di cui all'art. 2087 C.C. secondo cui: "L'imprenditore e` tenuto ad adottare nell'esercizio dell'impresa le misure che, secondo la particolarita` del lavoro, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro".


DISCLAIMER - COPYRIGHT - PRIVACY - NOTE LEGALI

    1.   Tutti i contenuti del portale sono proprietà esclusiva e riservata dello Studio legale Avvocato Alberto Serpico senior - Cuneo e/o dei suoi aventi causa e/o di terzi soggetti ove indicati, e sono protetti dalle vigenti norme nazionali ed internazionali in materia di tutela dei diritti di Proprietà Intellettuale e Industriale.    2.   Con la dizione ”portale web raggiungibile alla URL http://avvocatoserpico.beepworld.it/” (di seguito denominato “Portale”) lo Studio legale Avvocato Alberto Serpico senior di Cuneo fa riferimento ad ogni contenuto ed elemento tecnico - informatico a base del Portale, ivi compresi, a solo titolo esemplificativo e non esaustivo, i software che ne consentono l’operatività ed i relativi codici, le banche dati elettroniche, i testi, le fotografie, le animazioni, i file audio e video - indipendentemente dal formato -, le riproduzioni di marchi, il logo, le soluzioni tecniche adottate, le realizzazioni grafiche, la struttura ed ogni altra parte già realizzata o da realizzare.    3.   Con la locuzione “Diritti di Proprietà Intellettuale e Industriale” relativi al Portale lo Studio legale Avvocato Alberto Serpico senior di Cuneo fa riferimento al complesso dei diritti riconosciuti e tutelati dalle vigenti normative nazionali ed internazionali, tra cui – a solo titolo esemplificativo e non esaustivo, relativamente a tutti gli Stati del mondo e senza alcun termine - ogni diritto discendente da brevetti (ivi compreso il diritto di deposito della relativa domanda), diritti d’autore presenti o futuri, marchi d’impresa e/o di servizio (sia registrato che utilizzato in via di fatto lo Studio legale Avvocato Alberto Serpico senior di Cuneo), brand, nomi commerciali, ditte, know-how, nomi a dominio, banche di dati e tutte le relative applicazioni.    4.   Con la dizione “Materiali” lo Studio legale Avvocato Alberto Serpico senior di Cuneo intende fare riferimento ad ogni contenuto del Portale, rappresentato – a titolo esemplificativo e non esaustivo - da testi, immagini, realizzazioni grafiche, files, software di ogni tipo, materiali audio, video, animazioni virtuali, elementi multimediali e/o ipertestuali, indipendentemente dai formati, dai supporti che li contengono, dall’estensione (a solo titolo esemplificativo e non esaustivo: mp3, wav, jpg, mpeg, gif, doc, etc), dalla dimensione, dalle versioni in uso, dalle tecniche utilizzate per la loro distribuzione e/o trasmissione.    5.   I Materiali pubblicati sul Portale potranno essere utilizzati solo previo consenso scritto da parte dello Studio legale Avvocato Alberto Serpico senior di Cuneo, dei suoi aventi causa o dei terzi eventualmente titolari di diritti sui Materiali pubblicati nel Portale medesimo, a condizione, tuttavia, che rimangano nel loro formato originale e, qualora riprodotti, rechino sempre le indicazioni proprietarie o relative al copyright oppure agli autori, che l’utilizzo, a qualsiasi titolo e per qualsiasi finalità, non debba mai avere scopo di lucro e, infine, che sia sempre citata la fonte, l'autore e/o il titolare dei diritti sui Materiali nonché l'indirizzo web da cui sono stati tratti.    6.   La riproduzione e l’utilizzo degli articoli contenuti nel Portale dovrà essere conforme a quanto previsto dagli articoli 65 e 101 della Legge 22 Aprile 1941, n. 633 e successive modifiche ed integrazioni, che prevedono: (art. 65) “gli articoli di attualità di carattere economico, politico o religioso, pubblicati nelle riviste o nei giornali, oppure radiodiffusi o messi a disposizione del pubblico, e gli altri materiali dello stesso carattere possono essere liberamente riprodotti o comunicati al pubblico in altre riviste o giornali, anche radiotelevisivi, se la riproduzione o l'utilizzazione non è stata espressamente riservata, purché si indichino la fonte da cui sono tratti, la data e il nome dell'autore, se riportato”; (art. 101) “la riproduzione di informazioni e notizie è lecita purché non sia effettuata con l'impiego di atti contrari agli usi onesti in materia giornalistica e purché se ne citi la fonte.”    7.   Ogni diritto sulle banche dati elettroniche presenti e consultabili sul Portale e/o tramite esso è riservato. E' vietata, ove non diversamente previsto, l’estrazione, la riproduzione e ogni altro utilizzo, nei limiti di quanto previsto dagli articolo 64-quinquies e 64-sexies della Legge 22 Aprile 1941, n. 633 e successive modifiche ed integrazioni. Sul punto, si ricorda che ai sensi dell’articolo 102 - ter della citata legge, l’utente legittimo della banca di dati elettronica messa a disposizione del pubblico non può arrecare pregiudizio al titolare del diritto d'autore o di un altro diritto connesso relativo ad opere o prestazioni contenute in tale banca. Inoltre, l’utente legittimo di una banca di dati messa in qualsiasi modo a disposizione del pubblico non può eseguire operazioni che siano in contrasto con la normale gestione della banca di dati o che arrechino un ingiustificato pregiudizio al costitutore della banca di dati. Non sono soggette all'autorizzazione del costitutore della banca dati messa per qualsiasi motivo a disposizione del pubblico le attività di estrazione o reimpiego di parti non sostanziali, valutate in termini qualitativi e quantitativi, del contenuto della banca di dati per qualsivoglia fine effettuate dall'utente legittimo.    8.   I Materiali pubblicati nel Portale sono stati attentamente vagliati e analizzati, e sono stati elaborati con la massima cura. In ogni caso errori, inesattezze e omissioni sono possibili. Ad esclusione di servizi legali professionali forniti on line, lo Studio legale Avvocato Alberto Serpico senior di Cuneo non potrà essere ritenuto responsabile – con riferimento ai Materiali liberamente consultabili sul Portale - per errori ed omissioni né per qualsiasi affidamento che l’utente faccia circa i Materiali.    9.   Ove non diversamente previsto, le informazioni contenute nei Materiali hanno carattere esclusivamente informativo e di aggiornamento e non hanno carattere esaustivo, né possono essere intese come espressione di un parere o di una indicazione o presupposto al fine di adottare decisioni. Lo Studio legale Avvocato Alberto Serpico senior di Cuneo non potrà essere considerato responsabile per qualsiasi azione od omissione posta in essere dagli utenti a seguito dell'uso delle informazioni contenute nei Materiali senza aver richiesto preventivamente allo Studio legale Avvocato Alberto Serpico senior di Cuneo uno specifico approfondimento o parere in merito.    10.   L’utente si impegna a rispettare scrupolosamente le condizioni di utilizzo dei Materiali fruibili sul Portale ed a rispettare tutti i Diritti di Proprietà Intellettuale e Industriale ad essi relativi.    11.   L’utente risponderà in proprio di tutti gli eventuali atti illeciti o lesivi ad esso imputabili, conferendo altresì la più ampia manleva allo Studio legale Serpico nel caso in cui il comportamento in violazione delle normative nazionali e/o internazionali a tutela della Proprietà Intellettuale e/o Industriale – quivi integralmente richiamate ed applicabili per quanto non espressamente previsto – leda diritti di terzi soggetti in genere.    12.   Il presente sito non è una testata giornalistica o, comunque sia, un prodotto editoriale soggetto alla legge corrispondente, ma solo un archivio che, sebbene sia soggetto ad un perfezionamento progressivo dell’allestimento, ha un aggiornamento non con cadenza periodica, essendo ciò dipendente solo dal materiale disponibile e dall’evoluzione sia delle materie trattate che dello stesso strumento informatico. Esso è curato dall’Avv. Alberto Serpico, nato a Napoli il 18/08/1957, residente in Cuneo, Corso Dante 21/6, cf. SRP LRT 47P18 F839F, ed è ospitato da http://www.beepworld.it/. Non si risponde dell’esattezza e del funzionamento dei links per i quali è comunque gradita ogni segnalazione di eventuali non corrispondenze oppure interruzioni.    13.   I dati trasmessi saranno conservati e trattati con le garanzie di sicurezza e segretezza previste dal Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e verranno utilizzati solo ed esclusivamente per l'assolvimento dell'incarico ricevuto e per le comunicazioni informative inviate dallo Studio legale Avvocato Alberto Serpico senior di Cuneo, oltre che per gli obblighi previsti dalla legge.    14.   Il trattamento dei dati potrà avvenire in modalità cartacea, telematica e automatizzata.    15.   I dati trasmessi non saranno comunque in alcun modo alienati o ceduti, a qualsivoglia titolo, a soggetti terzi, salvo il previo ed espresso consenso dell'interessato.    16.   Il conferimento dei dati ha carattere facoltativo.    17.   Tuttavia, gli stessi dati sono necessari alla formulazione del preventivo, all'adempimento dell'incarico ricevuto e agli adempimenti fiscali.    18.   Pertanto, in mancanza del conferimento è impossibile svolgere alcuna attività professionale e di consulenza ed assistenza legale a favore del richiedente.    19.   Con l'invio del modulo, l'interessato espressamente acconsente al trattamento dei dati in esso contenuti secondo le suddette modalità.    20.   L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica, o altre comunicazioni, agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, utile alla formulazione di un riscontro o alla fornitura dei servizi, nonché di tutti gli eventuali altri dati personali inseriti dal mittente nella comunicazione.    21.   L'utente è invitato a non fornire comunque informazioni costituenti dati sensibili ai sensi dell'art. 4, lett. d) del D.Lgs n°196/03, propri o di terzi, in particolare relativi alla salute, senza aver preventivamente prestato il proprio consenso al trattamento nelle forme di legge.    22.   I sistemi informatici e telematici e le procedure software preposte all'utile funzionamento di questo sito acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati di carattere personale, la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione web ooppure è utile per la migliore gestione e ottimizzazione del sito (ad esempio, indirizzi IP, indirizzi URL, nomi a dominio, orario delle richieste, dimensione dei files, altri parametri relativi al sistema operativo dell'utente).    23.   Tale acquisizione, che avviene a fini esclusivamente statistici o per monitorare il corretto funzionamento del sito, non ha finalità commerciali né è rivolta in alcun modo all’identificazione dell’utente, venendo svolta attraverso tecnologie lato server, gestite e amministrate dal titolare del trattamento.    24.   In ogni momento l'interessato potrà esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n°196, tra i quali richiedere la modifica, l'integrazione, l'aggiornamento, la conferma o la cancellazione dei dati conservati.    25.   Tali diritti potranno esercitarsi attraverso le seguenti modalità: - invio di un'e-mail all'indirizzo avv.serpico@tiscalinet.it, oppure, - invio di una raccomandata A/R allo Studio legale Avvocato Alberto Serpico senior di Cuneo, Via Roma, n. 62, all'Avv. Alberto Serpico (sr.), nato a Napoli il 18/09/1957, res.te in Cuneo (12100 - CN), Corso Dante 21/6., che è l'unico titolare del trattamento dei dati ex D. Legs. 30/06/2003, n. 196.    26.   Titolare del trattamento dei dati è l’Avvocato Alberto Serpico suddetto, presso il cui studio (in Cuneo, Via Roma, n. 62) e persona sono conservati.    27.   Tutto il materiale costituente il presente sito, le comunicazioni elettroniche prima del loro ricevimento e i dati di navigazione sono conservati sul server all’uopo dedicato (chiedere a htpp://www.beepworld.it/ - e - mail wolf@beepworld.it).    28.   “Art. 13 Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Informativa). L'interessato o la persona presso la quale sono raccolti i dati personali sono previamente informati oralmente o per iscritto circa: - le finalità e le modalità del trattamento cui sono destinati i dati; - la natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati; - le conseguenze di un eventuale rifiuto di rispondere; - i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati, e l'ambito di diffusione dei dati medesimi; - i diritti di cui all'articolo 7; - gli estremi identificativi del titolare e, se designati, del rappresentante nel territorio dello Stato ai sensi dell'articolo 5 e del responsabile. Quando il titolare ha designato più responsabili è indicato almeno uno di essi, indicando il sito della rete di comunicazione o le modalità attraverso le quali è conoscibile in modo agevole l'elenco aggiornato dei responsabili. Quando è stato designato un responsabile per il riscontro all'interessato in caso di esercizio dei diritti di cui all'articolo 7,è indicato tale responsabile. L'informativa di cui al comma 1 contiene anche gli elementi previsti da specifiche disposizioni del presente codice e può non comprendere gli elementi già noti alla persona che fornisce i dati o la cui conoscenza può ostacolare in concreto l'espletamento, da parte di un soggetto pubblico, di funzioni ispettive o di controllo svolte per finalità di difesa o sicurezza dello Stato oppure di prevenzione, accertamento o repressione di reati. Il Garante può individuare con proprio provvedimento modalità semplificate per l'informativa fornita in particolare da servizi telefonici di assistenza e informazione al pubblico. Se i dati personali non sono raccolti presso l'interessato, l'informativa di cui al comma 1, comprensiva delle categorie di dati trattati, è data al medesimo interessato all'atto della registrazione dei dati o, quando è prevista la loro comunicazione, non oltre la prima comunicazione. La disposizione di cui al comma 4 non si applica quando: i dati sono trattati in base ad un obbligo previsto dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria; i dati sono trattati ai fini dello svolgimento delle investigazioni difensive di cui alla legge 7 dicembre 2000,n. 397, o, comunque, per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria, sempre che i dati siano trattati esclusivamente per tali finalità e per il periodo strettamente necessario al loro perseguimento; l'informativa all'interessato comporta un impiego di mezzi che il Garante, prescrivendo eventuali misure appropriate, dichiari manifestamente sproporzionati rispetto al diritto tutelato, ovvero si riveli, a giudizio del Garante, impossibile.”    29.   “Art. 7 Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti). L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: - dell'origine dei dati personali; - delle finalità e modalità del trattamento; - della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; - degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2°; - dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. 3) L'interessato ha diritto di ottenere: l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4) L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: - per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; - al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini d'invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.”    30.   Una parte delle componenti di questo sito sono state prelevate da analoghi siti che le pongono a gratuita disposizione di tutti. Ove qualcuno dovesse vantare diritti su di esse, lo segnali allo studio, che immediatamente vi ottempererà di conseguenza.    31.   Di vieto di spamming. L'invio di messaggi pubblicitari attraverso sistemi automatizzati (sms, mms, fax, posta elettronica) richiede il consenso degli interessati. Il destinatario deve essere informato della possibilità di opporsi ai "messaggi indesiderati", sotto pena, in difetto, delle sanzioni penali di legge.    31.   Questo sito e' stato realizzato in conformità al  Codice deontologico (Approvato dal Consiglio nazionale forense il 17 aprile 1997, con le modifiche introdotte il 16 ottobre 1999, il 26 ottobre 2002, il 27 gennaio 2006, il 14 dicembre 2006 ed il 27 giugno 2008). Esso non ha carattere pubblicitario e mira esclusivamente ad offrire informazioni secondo correttezza e verità, nel rispetto della dignità e decoro della professione, nonché degli obblighi di segretezza e riservatezza.



powered by Beepworld